Stretta sulle Università telematiche ?? Sarebbe ora!!

Giunge notizia (fonte Sole 24 ore) che uno degli ultimi atti dell’ex Ministro Fioramonti, ora al vaglio di Corte dei Conti e Consiglio di Stato avrebbe come finalità  dal prossimo anno accademico di eliminare i corsi erogati dalle università telematiche o pseudo telematiche imponendo la loro organizzazione solo in presenza. Si tratterebbe di facoltà come Psicologia, Scienze dell’educazione, Scienze pedagogiche, servizi sociali. Come è noto (D.M. 10/8/2017) i 24 CFU necessari per i nuovi inserimenti dei docenti in terza fascia e per partecipare ai futuri concorsi ordinari possono essere attualmente essere offerti per un massimo di 12 CFU in modalità totalmente telematica, mentre gli altri dovrebbero essere effettuati in presenza con prova finale. Tuttora tale vincolo sembra essere stato eluso da università “riconosciute” che offrono i 24 crediti in pochi giorni con modalità tutte da verificare e con una serietà nell’offerta formativa di pessimo livello. Basta dimostrare di fare gli esami finali in una qualche sede fisica dell’ università. Vi invitiamo a vedere le pubblicità che propongono “esami in un solo giorno in tutta Italia”….

E’ un business milionario, con interessi che coinvolgono tanti soggetti anche interni al MIUR,  che viene fatto pagare dai precari della scuola e da tutti coloro che intendono intraprendere la professione di insegnante nella scuola statale. Una vergogna dalla quale discende una devalorizzazione e dei titoli accademici e una diffusa impreparazione dei futuri docenti.

Ben venga un provvedimento che faccia chiarezza e che segni la fine di un mercimonio che porta solo all’abolizione del valore legale dei titoli di studio, anche accademici.